Review Category : Ruanda

Ruanda: Scopri i gorilla di montagna

E’ nel parco dei vulcani che puoi ammirare i gorilla nel loro mondo. Questo paese dell’Africa orientale con un passato triste è diventato una nuova destinazione di viaggio. Con una grande attrazione: osservare i gorilla nelle foreste del Parco Nazionale dei Vulcani. Onerosa, questa attività è la punta di diamante della politica di apertura al turismo offensiva del Ruanda. Un paese di colline e laghi La lussureggiante foresta copre la maggior parte del paese. Le mille colline sposano il verde della foresta con la laterite rossa, alcune sono coperte da piantagioni di tè, altre ospitano piantagioni di banane. Ovunque, fiumi ...

Read More →

Ruanda: Sui luoghi del genocidio

Un paese marcato da questa grande ferita. Perché visitare il Ruanda, quando molti altri paesi africani sembrano offrire dei circuiti più popolari d’avventura? Il Ruanda è una destinazione turistica poco conosciuta perché, ancora oggi, troppe persone hanno come unico riferimento di  questo paese, il genocidio che ha avuto luogo nel 1994. Se più di 1 milione di turisti hanno visitato il Ruanda nel 2012 é  principalmente per i suoi paesaggi mozzafiato e per i suoi gorilla . L’esplosione del turismo in Ruanda , é passata dai  27.000 visitatori nel 2004 a 1.080.000 nel 2012 , è dovuta alla sua bellezza ...

Read More →

Ruanda: 750$ per poter ammirare i gorilla di montagna

Le autorizzazioni per visitare i gorilla di montagna costeranno di più ai turisti. Sia che si tratti di turisti provenienti dall’estero o per i locali, il Ruanda ha l’abitudine di rilasciare un permesso che consente ai viaggiatori la visita  del parco nazionale dei vulcani e di  osservare i gorilla di montagna. Questa specie in pericolo è infatti protetta e monitorata continuamente. Di fronte alla crescente domanda per i permessi, il Rwanda Development Board ha deciso di aumentare del 50%  il prezzo dei permessi. Ora l’entrata al parco  costerà 750 dollari per poter ammirare i pochi  gorilla di montagna rimasti in Ruanda. Contrariamente alle apparenze, questa notizia è abbastanza ...

Read More →