Catalogna:Scopri la Val de Boi

Nel 2000 Le chiese della Val de Boi sono diventate Patrimonio dell’umanità.

Lontano dalle folle della Costa Brava, la Val de Boi si estende per una ventina di chilometri nel cuore dei Pirenei catalani nella provincia di Lleida.

Questa piccola valle tranquilla, popolata da soli mille abitanti, si distingue per la sua eccezionale concentrazione di chiese romaniche, costruite nell’XI e XII secolo.

Molti di loro hanno un campanile eretto in una sottile torre quadrata che può raggiungere sei piani! Otto chiese e un convento della valle sono classificati patrimonio mondiale dell’umanità.

Queste chiese hanno attraversato la storia quasi intatta grazie a un fattore: il loro isolamento.

Perché la storia di questa valle è singolare. Sotto la tutela della casa di Tolosa fino al IX secolo, questa contea passerà sotto il dominio dei signori Erill nel XII secolo, che finanzierà l’abbellimento delle loro chiese per affermare la loro onnipotenza.

Tentati da nuove conquiste, gli Erill entreranno in guerra nella pianura dove saranno orgogliosi dell’influenza del gotico fiammeggiante. I campanili e le pale d’altare saranno costruiti all’altezza del loro desiderio di apparire, lasciando al governo dei loro servi le loro valli arroccate e le loro chiese.

Sarà necessario attendere fino all’inizio del XX secolo affinché gli intellettuali di passaggio nell’angolo siano interessati a questa eredità. Di conseguenza, i commercianti di antiquariato e i mercanti del tempio cadono e iniziano a saccheggiarlo. Il Museo Nazionale d’Arte della Catalogna acquisisce quindi la maggior parte delle opere per proteggerle.

Circondata da splendide montagne, la Val de Boi è la porta di accesso al Parco Nazionale Aigüestortes i Estany Sant Maurici, un’escursione con picchi a oltre 3.000 metri sul livello del mare e quasi 300 laghi di montagna.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto

Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments