Cattive notizie: i viaggi costeranno di più nel 2019

Nel 2019 dovremmo metter mano al portafoglio per i viaggi!

Cattive notizie: i viaggi costeranno di più nel 2019

I prezzi degli hotel dovrebbero aumentare del 3,7% l’anno prossimo, mentre i prezzi dei voli saliranno del 2,6%.

I prezzi dei viaggi dovrebbero aumentare nel 2019 secondo il 5 ° rapporto annuale pubblicato dalla Global Business Travel Association (GBTA), l’organizzazione mondiale dei viaggi d’affari e Carlson Wagonlit Travel.

Le previsioni delle previsioni di viaggio globali per il prossimo anno aumentano del 3,7% le tariffe alberghiere e del 2,6% nei prezzi dei voli.
Le tariffe aeree dovrebbero essere prima influenzate dall’aumento previsto dei prezzi del petrolio. Il rapporto sottolinea anche “la pressione concorrenziale derivante dalla mancanza di piloti, le potenziali guerre commerciali e l’aumento della segmentazione dei prezzi al fine di migliorare i rendimenti”.
Va notato tuttavia che l’evoluzione delle tariffe dovrebbe essere molto disparata secondo i continenti: il Global Travel Forecast anticipa un aumento dei prezzi dei voli del 4,8% in Europa occidentale, 3,2 % in Asia-Pacifico ma solo l’1,8% in Nord America. “Dato che l’obiettivo delle compagnie aeree è quello di ottenere margini migliori, il mercato dell’aviazione statunitense dovrebbe subire una compressione della capacità a causa dell’ampia segmentazione dei prezzi, con un minor numero di posti disponibili nelle classi premium e di base dell’economia. “, dicono gli autori del rapporto. I prezzi dovrebbero scendere del 2,3% nell’Europa orientale, del 2% in Medio Oriente e in Africa e del 2% in America Latina.
Forte aumento dei prezzi degli hotel in Europa
Le tariffe dell’hotel saranno collegate all’aumento generale del traffico aereo, che naturalmente alimenterà la domanda. E i prezzi dovrebbero aumentare drasticamente del 5,6% in Europa e del 5,1% nella zona Asia-Pacifico.

La crescita dovrebbe essere limitata al 2,8% in Nord America, mentre i prezzi dovrebbero scendere del 2% nell’Europa dell’Est, dell’1,5% in Medio Oriente e in Africa e dell’1,3% in America Latina.
Queste proiezioni si basano su un modello statistico sviluppato da GBTA, in collaborazione con la società di ricerche economiche e di mercato Rockport Analytics, che valuta il comportamento storico dei prezzi. A questo si aggiungono i dati e le informazioni di CWT di Moody’s Analytics, il servizio di ricerca del FMI, le Nazioni Unite e altre importanti organizzazioni internazionali.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto 

Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments