Nel 2050 i passeggerisi troveranno a far i conti con turbolenze sempre più forti

Nel Futuro più turbolenze nei cieli.

Nel 2050 i passeggerisi troveranno a far i conti con turbolenze sempre più forti.

Secondo gli scienziati, il jet stream (corrente a getto) è disturbato a causa del riscaldamento globale e scioglimento dei ghiacci del grande Nord. Il  vento di ponente è più potente, ha recentemente permesso un volo di British Airways New York – Londra di raggiungere quasil la barriera del suono, gli aerei incontrano difficoltà nella direzione opposta.

Lo scioglimento dei ghiacci nel Nord causato dal riscaldamento globale sconvolge la corrente a getto. Jennifer Francis, un climatologo presso la Rutgers University nel New Jersey e specialista artico, assicura che il flusso d’aria è stato “insolitamente forte in questi ultimi due inverni, i  cicli meteorologici non sono regolari e si prevede che lo stesso nei prossimi anni.

“Di fronte a queste forti venti, sempre più aerei che fanno il tragitto  Europa – America, sono costretti a fare un pit stop lungo la rotta.

James Screen, un esperto  del clima presso l’Università britannica di Exeter, dichiara: “Alcune analisi indicano che il clima potrebbe cambiare la sua traiettoria e la sua velocità in in un clima più caldo, anche se le osservazioni attuali non sono sufficienti a cancellare una tendenza. “Ha ricordato che la posizione e la forza della corrente a getto “variano molto da un anno all’altro.”

Paul Williams, un climatologo presso la Royal Society di Scienze d’Inghilterra,  aveva già messo in guardia circa gli effetti del riscaldamento globale sul trasporto aereo, assicura che lo scioglimento dei ghiacci porterà a “un indebolimento degli strati inferiori della corrente a getto.” inoltre dichiara  “Entro il 2050,i passeggeri trascoreranno  il doppio del tempo di volo nella turbolenze.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto

Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments