Danimarca: Aarhus Capitale Europea della Cultura

Scopri Aarhus  Capitale Europea della Cultura  sulle rive del Baltico.

Danimarca: Aarhus Capitale europea della cultura

Situato da oltre 1300 anni nei verdi vallate di Jutland, ai margini delle acque fredde del Kattegat, Aarhus, è stata  uno dei primi grandi porti vichinghi.

Un piede nel passato, uno nel futuro,  il tema che  scelto come capitale europea della cultura 2017: ripensare il mondo del XXI secolo, “Let’s Rethink”, attorno alle 160 attività ed eventi.

Musei di ieri e del futuro

Entrambi i musei di punta ad Aarhus incarnano anche questa doppia faccia della città. Devi  perderti  per le strade di Den Gamle By ( “Città Vecchia”) che si trova tra la strada Viborgvej e il Giardino Botanico.

Settantacinque le case, costruite tra il XVI secolo e il 1970, sono stati pazientemente smontate e rimontate  prima di essere arredate  e riempite di oggetti d’antiquariato, dal tavolo di legno alla cucina in Formica.

In questo museo a cielo aperto della Danimarca, camminiamo attraverso i secoli tra fattorie, ville e giardini, dove le verdure sono coltivate e i frutti dimenticati.

Cambiamento epocale, un quarto d’ora a piedi, con ARoS, il Museo di Belle Arti. Un “diamante bianco” di otto piani, sopra nominato Your Rainbow Panorama del  artista danese Olafur Eliasson che offre una passeggiata  circolare a piedi e una vista di tutta la città.

Da non perdere “Boy ” dell’ scultore australiano Ron Mueck, una scultura iperrealista di 5 metri di altezza, ispirate al mondo degli aborigeni.

Foreste e iceberg

A quindici minuti di bicicletta, la foresta di Marselisborg offre alberi secolari,  cinghiali, spiagge e il suo castello, decorato con un giardino di rose, fu’ residenza estiva della regina Margherita.

Gli amanti del paesaggio urbano  preferiscono  il giro intorno al porto, con la sua spiaggia artificiale e i suoi  “iceberg”  bianchi,  condomini in cemento con tetti a punta evocano le cime innevate.

La sera, vale  la pena passeggiare  lungo il canale, un vecchio fiume  usato ai  tempi dei Vichinghi sul Åboulevarden e stabilirsi fino a tarda notte  sulle terrazze sempre affollate di Café Römer o Café Viggo.

Poi la cena presso il Quartiere Latino, uno dei quartieri più antichi della città, il Café Englen per godere della sua piacevole terrazza giardino o al Gastronomé , un dei  quattro  migliori ristoranti dove mangiare, famoso per il pesce.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.
A presto
Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments