Egitto: Scopri la Nubia e Abu Sinbel

Il tempio di Abi Sinbel fu spostato per salvarlo dalle acque.

Per scoprire questa regione ci sono diverse possibilità . Il tempio di Kalabchah può essere visitato da Assuan, e inseguito puoi volare verso Abu Simbel per uno o due giorni. Alcuni preferiscono una crociera sul lago Nasser, una questione di passeggiare lungo il Nilo.

Poche barche navigano, tutte con un ottimo comfort con il vantaggio di soste in templi altrimenti inaccessibili e con vista sul lago. Preferisco la crociera da Assuan (inizia a sud della diga), perché l’arrivo in barca ad Abu Simbel è semplicemente magico!

Il lago Nasser è pieno di pesci e con i famosi coccodrilli del Nilo non poteva mancare la citazione.. Alcune insenature rimangono paradisiache e la natura, totalmente selvaggia, viene preservata.

Il tempio di Kalabchah avvia il programma di crociera, ma può anche essere raggiunto in auto. Questo è il primo tempio che è stato smantellato durante il salvataggio dei monumenti di Nubia e spostato di 40 km. L’attuale tempio risale all’imperatore Augusto, ma fu innalzato sui resti di due precedenti templi. È dedicato a Mandoulis, un dio nubiano che ha integrato la leggenda di Osiria.

La navigazione consente di raggiungere il tempio di Wadi El Seboua. Il suo nome significa “Valle dei Leoni”, a causa di un vicolo sfinge. Il tempio conserva alcuni graziosi resti, tra cui una serie di statue di Ramesse II.

Devi camminare un po ‘nel deserto per raggiungere il tempio di Dakka, dedicato al dio Thoth. Dalla terrazza superiore del tempio, la vista è panoramica sul lago.

La barca si fermerà quindi al tempio di Amada, il più antico di tutta la Nubia. Sul posto, puoi anche visitare il tempio Derr e la tomba di Pennout, tutti spostati per essere salvati dalle acque.

Nel mezzo del lago, la cittadella di Qasr Ibrim non è visitata, ma è visibile dalla barca, era una roccaforte che ha permesso di monitorare le spedizioni nella regione

Quindi arriviamo all’ultima fermata, tanto attesa. I due templi di Abu Simbel si trovano sul bordo del lago Nasser, assolutamente maestosi.

Quello grande è il tempio di Ramesse II: il faraone, è presente ovunque, di fronte, sulle colonne e ovviamente eroi di tutti gli affreschi. Il piccolo tempio è un omaggio alla sua amata moglie, Nefertari.

Il salvataggio di questi monumenti fu spettacolare: furono tagliati in 1.095 blocchi, alcuni dei quali erano 15 tonnellate, che furono spostati 60 m più in alto.

Si consiglia di visitare il sito all’alba (apre alle 6 del mattino), se possibile prima dell’affluenza turistica, l’ideale è trascorrere la notte in un hotel vicino al sito, il giorno prima.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto

Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments