Filippine: Scopri la città di Manila

Manila una città in continua evoluzione.

Filippine: Scopri la città di Manila

Quando si parla di Manila sentiamo dire: “Le Filippine sono il sud-est asiatico, ma con chiese ovunque e nessun altro monumento”; “Il Sud America in Asia … allora meglio andare in Sud America, o altrove in Asia!

Eppure la capitale tentacolare delle Filippine, un crogiolo di molte influenze, vale la deviazione. Perché Manila è una metropoli come nessun altra città asiatica.

Manila, una storia movimentata.

Filippine: Scopri la città di Manila

La storia di Manila iniziò molto prima dell’arrivo dei conquistatori spagnoli nel XVI sec, questo secondo il ritrovamento a Manila di una lastra di rame incisa in vecchio malese nel 1989, già attesta una presenza umana nei primi anni del 10 ° secolo: un tempo sotto l’influenza indiana in cui le rappresentazioni di Naga (mitico serpente) sono onnipresenti.

Installati  alla fine del 12 ° secolo, alla foce del fiume Pasig che irriga Manila, i Tagalog  costruiscono un forte in palizzate chiamate Maynila – Nila deriva da  un arbusto di mangrovie. Gli abitanti commerciano con il resto del mondo quando gli spagnoli vengono a scuotere l’ordine stabilito.

Arrivando nel 1565 a Cebu, il conquistatore Legazpi fonda Manila nel 1571 e protegge il lucroso commercio con i galeoni ad  Acapulco. Fino al 1815, la seta, l’avorio, i gioielli e le spezie venivano scambiati con il minerale d’argento del Messico. Circondata da mura e fossati, il famoso quartiere giustamente chiamato  Intramuros, costruita alla fine del 16 ° secolo è la capitale asiatica degli spagnoli fino al 1898, quando il paese è diventato americano.

Nel 1942, i giapponesi occupano la città. Un periodo buio per la capitale delle Filippine, che termina in una carneficina (100 000 persone), dopo la battaglia di Manila conclusa il 3 marzo 1945. Come Varsavia o di Dresda, la città viene spazzata via. Indipendente nel luglio del 46, il paese sceglie il tagalog, il dialetto di Luzon parlato in particolare a Manila, come base della sua lingua nazionale.

Le conseguenze della guerra, la corruzione, la crescita demografica della popolazione dilagante e delle disparità sociali spiegano in parte la crescita anarchica della città, vittima di congestione cronica, inquinamento e mancanza di spazi verdi. Tuttavia, l’attuale ripresa del centro della città, la qualità di alcuni edifici moderni e la crescita economica dà speranza per un domani migliore.

Manila: consigli e informazioni per rilanciarsi 

Filippine: Scopri la città di Manila
Senza spingersi nei recessi della Grande Manila, il centro del comune comprende quartieri che sono altrettante città in sé: Ermita e Malate, il cuore popolare della baia; storico e patrimonio Intramuros; l’iperattivo Binondo e i suoi dintorni, Chinatown Métis e la moderna Makati, (5 km a sud), piantati con grattacieli e centri commerciali.

Gigante e caotica, la megalopoli filippina ha una cattiva reputazione. La vita quotidiana di Manila e dei suoi abitanti non si limita ai disordini politici e alle tragedie ambientali, né alle miserie sociali alla uno dei telegiornali.

Per quanto riguarda il traffico, è negoziato: devi sapere dove, quando e come prendere un taxi (informarsi in hotel, installare app utili), camminare (sì, se!) Su determinate rotte (tra Malate e Binondo, ci sono solo 4 km, anche a Makati), studiare i trasporti pubblici (metropolitana, traghetto sul fiume Pasig) evitando le ore di punta.

Manila è particolarmente soddisfatta della sua ricchezza umana, sorprende per la qualità dei suoi musei e intrattenuta dalla sua vita notturna, lungi dall’essere limitata a frequentare alcuni luoghi della malavita.

In genere, incluse brevi passeggiate e crociere al tramonto nella baia, le escursioni in jeepney con aria condizionata sono un buon inizio.

Intramuros: il centro storico coloniale

Città fortificata di 4,5 km di perimetro, Intramuros (“nelle mura”) era la capitale politica, religiosa ed economica degli spagnoli in Asia. Dopo il bombardamento statunitense del marzo 1945, Intramuros diventa un’area di terre desolate e magazzini, prima della ricostruzione del quartiere negli anni ’80.

Il quartiere più visitato di Manila per i suoi monumenti (fortificazioni, residenze, chiese), musei e ristoranti, Intramuros non è al 100% turistico. I vecchi palazzi ospitano le amministrazioni ei bambini del distretto hanno lì le loro scuole.

A sud – dove un golf (!) Sfrutta i prati degli argini -, attraverso le porte per entrare nel General Luna, l’asse principale. Presto a destra, una casa maestosa ospita un bellissimo negozio di artigianato, un negozio di antiquariato e una libreria.

La chiesa più antica del paese (1589), la chiesa di San Agustin è registrata con alcune sorelle dell’Unesco, per il suo stile “terremoto barocco” adattato a questo pericolo e le sue decorazioni da artigiani sino-filippini, tra cui una notevole pala d’altare. Nel vicino contiguo chiostro, il suo museo espone l’arte religiosa dell’era spagnola.

Adiacente ad un’elegante dimora ad arme di pistacchio, i passaggi alle pareti di tufo vulcanico con ristoranti e negozi ospitano Casa Manila, un riflesso della vita d’elite a metà del XIX sec. Entrata dallo zaguan, le pietre pavimentate del patio di zavorra dalle giunche cinesi, si passa al entresuelo. Lì, clienti e dirigenti aspettavano davanti alla oficina (ufficio) dove il capo e i suoi impiegati gestivano gli affari, e le stanze annesse erano usate per i sonnellini, dalle 14 alle 17 .

Al piano superiore, tutti in legno massello: l’antesala, anticamera per i parenti, lea sala, dove erano collegati feste e balli, l’oratorio dove si pregava, il cuarto principale, la stanza del maestro e gli ospiti importanti , il comedor, la sala da pranzo e l’insolita letrina, toilette a due posti per continuare le conversazioni!

All’estremità settentrionale del quartiere, Fort Santiago ospita un modesto museo dedicato a Jose Rizal, eroe nazionale imprigionato qui nel 1896.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto 

Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments