Gran Bretagna: Sulle tracce di Harry Potter

Buon compleanno Harry Potter.

Gran Bretagna: Sulle tracce di Harry Potter

Nata nel 1997 sotto la penna di J.K. Rowling, la saga letteraria ha superato oltre 350 milioni di copie in tutto il mondo e ha tradotto in circa 65 lingue. Per festeggiare il compleanno di Harry Potter alla Witchcraft School, proviamo ad esplorare i luoghi dove ha vissuto il mitico mago,  con tappa in Scozia .

Edimburgo: Dove e’ nato Harry Potter

La Scozia è famosa per il suo mostro di Loch Ness, ma anche per il suo folclore tradizionale e i suoi racconti di fate e streghe. È in questo universo che “nasce” Harry Potter, più precisamente a Edimburgo, la seconda città della Scozia (460.000 abitanti). Una città piena di storia in cui J.K. Rowling ha scritto il primo e l’ultimo romanzo della sua saga.

Originariamente, lo scrittore con condizioni di vita molto modeste scriveva nei caffè. Soprattutto a The Elephant Dragon, uno snack bar senza originalità che ora paghi una sterlina  per visitare il posto e il Nicolson Café, di proprietà di suo cognato. Ora ribattezzato Spoon, questa struttura accogliente mostra una targa discreta in onore dell’autore.

Anni dopo, dall’anonimato il  milionario, J.K. Rowling è stato invitato dal lussuoso Hotel Balmoral. Su un busto con le caratteristiche del dio Hermes, incise le seguenti parole in inglese: “J.K. Rowling ha finito di scrivere Harry Potter ei Doni della Morte in questa stanza (552) l’11 gennaio 2007.

Invece di citare in giudizio l’autore per vandalismo, il palazzo diede il nome alla suite e mise un gufo, l’animale preferito di Harry Potter, come un batacchio. Per i fan, il pellegrinaggio non è dato: costa almeno 1.000 sterline (1.100 euro) a notte in questa suite.

Camminando lungo Royal Mile, una strada molto turistica che porta al Castello di Edimburgo, puoi vedere come i vicoli, i ciottoli e l’architettura medievale permeano lo spirito di J.K. Rowling e dei suoi libri. Il fittizio Diagon Alley e i suoi negozi magici? Una vera rassomiglianza con Victoria Street, impressionante strada curva con molti negozi.

Vicino a The Elephant Dragon, il Greyfriars Peaceful Cemetery presenta tombe intitolate a J.K. Rowling. Ad esempio la McGonagall, che divenne nei suoi romanzi un professore di metamorfosi ad Hogwarts, interpretata dall’attrice britannica Maggie Smith. Coincidenza? In questo stesso cimitero è stato girato The Beautiful Years Miss Brodie (1969) con … Maggie Smith nel ruolo principale.

Highlands, dove sono stati girate molte scene.

A poche ore di macchina da Edimburgo, J.K. Rowling si ispirò agli altipiani montuosi, punteggiati da laghi e valli scavate da antichi ghiacciai. I film sono stati girati anche in questa regione deserta e misteriosa.

Nei lungometraggi, la scuola di Hogwarts si trova a sud di un lago che esiste. Questo è Loch Shiel, i cui veri colpi hanno permesso di incorporare numericamente la scuola. In Harry Potter e il prigioniero di Azkaban (2004), questo lago è volato da Harry Potter sul retro dell’ippogrifo Buck. Per la storia vera, questo lago rimane famoso per essere stato la scena delle ribellioni giacobite nel 1745.

Nelle vicinanze, il viadotto di Glenfinnan, costruito nel 1898, fu immortalato da Harry Potter e la Camera dei Segreti (2002), nella scena in cui Harry e il suo migliore amico Ron inseguono l’espresso di Hogwarts su una macchina volante. Il viadotto è anche coperto da un analogo mezzo di trasporto: il treno a vapore Jacobite, che collega Fort William a Mallaig lungo la West Highland Line.

Altre scene sono state girate nella zona. I paesaggi rocciosi e umidi di Glen Coe hanno fatto da sfondo alla capanna di Hagrid, la baita di Glen Nevis come sfondo per i tornei di Quidditch in The School of Wizards e The Chamber of Secrets. Le magnifiche cascate di Steall sono in Harry Potter e nella coppa di fuoco quando Harry affronta il drago a spillo Magyar.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto
Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments