In viaggio con animali domestici

Consigli per viaggiare con animali domestici.

In viaggio con animali domestici

Se stai programmando un viaggio con animali domestici al seguito è consigliato organizzarsi per tempo, in genere 2 mesi prima, in modo tale da poter adempiere agli obblighi previsti dalla regolamentazione sanitaria e procedere alle eventuali vaccinazioni.

In sintesi quando ci si sposta con animali domestici in una diversa regione o nazione è necessario:

  • tenere presente i regolamenti delle varie compagnie aeree, marittime e ferroviarie;
  • rivolgersi al consolato della nazione dove si intende andare per avere informazioni sugli obblighi sanitari richiesti;
  • osservare le disposizioni definite dall’Unione Europea dal 1 ottobre 2004.

Nel caso di cani guida per l’accompagnamento dei non vedenti sono previste delle facilitazioni.

In ogni caso, sebbene si tratti di animali accettati ovunque, è preferibile segnalarne la presenza al momento della prenotazione del viaggio.

Animali domestici in viaggio nell’Unione Europea

Dal 1° ottobre 2004 i padroni di cani, gatti o furetti che portano in viaggio i loro amici a quattro zampe non devono dimenticare a casa il nuovo passaporto europeo per animali domestici.

Con il Regolamento (CE) n. 998/2003 sono state infatti armonizzate le disposizioni interne degli Stati membri per facilitare i viaggi in Europa con Fido & co.

Il nuovo passaporto per gli animali domestici ha un formato di 100 x 152 mm, la copertina blu ed il simbolo dell’Unione: il cerchio di stelle giallo.

Entro i confini dell’UE sostituisce il certificato sanitario del veterinario ufficiale. Chi viaggia senza questo nuovo documento rischia che il suo animale domestico venga messo in quarantena con l’onere dei relativi costi.

Il passaporto deve contenere il numero identificativo del microchip elettronico e sarà l’unico metodo d’identificazione ammissibile.

Oltre ai dati identificativi relativi all’animale e al proprietario, il passaporto deve contenere l’attestazione della vaccinazione antirabbica in corso di validità.

Attenzione animali domestici in Irlanda, Malta, Regno Unito e Svezia

Questi paesi richiedono un apposito test sierologico per verificare l’efficacia della vaccinazione antirabbica effettuata.

Per questi paesi è pertanto necessaria una prova che il vaccino è stato efficace (titolazione dell’anticorpo), compiuta almeno sei mesi prima dello spostamento verso i tre Paesi insulari e quattro per quanto riguarda la Nazione scandinava.

Per l’ingresso in Irlanda, a Malta e nel Regno Unito sono richiesti anche il trattamento contro le zecche ed il trattamento contro la tenia (echinococcosi).

Finlandia e Svezia richiedono solo il trattamento contro la tenia.

Le disposizioni per l’introduzione di animali domestici negli Stati che non sono membri dell’Unione Europea variano da Paese a Paese.

Le ambasciate ed i consolati sono in grado di fornire ogni informazione a riguardo.

Trasporto in treno, aereo, navi e traghetti di animali domestici

Treno:

I cani guida per ciechi sono ammessi gratuitamente in qualunque treno e classe.

Diverse modalità di trasporto sono previste a seconda del tipo di treno che si prende:

Eurostar, Intercity, regionali e interregionali o Wagon Lit.

È meglio informarsi presso Trenitalia prima di partire. Cani, gatti, volatili, pesci ed altri piccoli animali possono viaggiare in treno purché chiusi in apposite gabbiette salvo particolari divieti.

I cani di piccole dimensioni e gatti possono viaggiare con il proprietario ma solo in seconda classe.

I cani di grossa taglia possono viaggiare liberi solo se lo scompartimento è stato interamente prenotato (il proprietario deve però sostenere le spese di disinfestazione del locale).

Possono viaggiare in scompartimenti con altre persone se non recano disturbo e se sono muniti di guinzaglio e museruola.

Aereo:

Quasi tutte le compagnie aeree consentono il trasporto di animali domestici

Quando si prenota un viaggio in aereo con il proprio cane o gatto, è opportuno controllare se il volo prevede scali in Paesi di transito con cambi di compagnia aerea o di velivolo;

sia perché i trasferimenti da un aeromobile ad un altro possono comportare rischi per gli animali stessi (rottura delle gabbiette e smarrimento dell’animale), ma soprattutto perché gli animali domestici possono essere bloccati nel Paese di transito per eventuali controlli sanitari o addirittura per il fermo della quarantena.

Pertanto, e’ bene informarsi preventivamente sugli obblighi sanitari anche del paese di transito e non solo su quelli relativi al paese di arrivo.

Per quanto riguarda l’accesso a bordo dell’aeromobile di cani e gatti a seguito di un passeggero, non esiste una regolamentazione unica per tutte le compagnie aeree.

Ogni compagnia di navigazione può infatti stabilire la tipologia delle gabbiette utilizzate per il trasporto degli animali domestici, il numero degli eventuali animali domestici accettati in cabina o la possibilità di farli uscire o meno dalla gabbietta, ecc.

Generalmente, per ogni volo, è ammesso in cabina un certo numero di animali domestici: cani di piccola taglia (inferiori a kg. 10 di peso) e gatti (alcune compagnie accettano il classico trasportino altre ne richiedono di particolari).

I cani di media o grande taglia, invece, viaggiano nella stiva pressurizzata in apposite gabbie rinforzate. Alcune compagnie garantiscono l’assistenza di personale specializzato, centri di assistenza e di ristoro per gli animali domestici duranti gli scali.

Canarini e altri piccoli animali viaggiano in cabina in gabbia.

Navi e traghetti:

Per quanto riguarda brevi traversate su navi e traghetti alcune compagnie di navigazione, ad es. Tirrenia,richiedono il certificato di buona salute rilasciato dal veterinario per quanto riguarda i cani e, nel caso di trasferimenti per la Sardegna, è richiesta la vaccinazione antirabbica.

Servizi di trasporto: sui traghetti i cani sono ammessi con guinzaglio e museruola, i gatti nell’apposito trasportino:

I cani di piccola taglia possono viaggiare in cabina con il padrone previo consenso delle altre persone a bordo.

I cani di taglia grande o media possono alloggiare negli appositi canili di bordo, ma generalmente, è permesso tenerli sul ponte con il padrone se muniti di guinzaglio e museruola.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza.

A presto,

Fabio.

About the author  ⁄ Fabio

No Comments