L’Airbus A380 la fine di un sogno!

Dopo 14 anni di onorato servizio l’A380. va in pensione.

L'Airbus A380 la fine di un sogno!

Airbus ha annunciato oggi la fine dell’A380 con la cessazione delle consegne nel 2021. Questa decisione arriva dopo che la scelta di Emirates, il primo cliente dell’A380, ha ridotto drasticamente gli ordini per gli aerei a lungo raggio.

Lanciato nell’ottobre 2007, l’A380, il più grande aereo di tutti i tempi, non ha trovato il suo pubblico con le compagnie aeree, anche se le sue qualità lo hanno reso l’aereo preferito da molti viaggiatori. Entro il 2021, solo Airbus utilizzerà 250 aeromobili A380, molti dei quali saranno utilizzati da Emirates.

La decisione di  Airbus cade quando il suo rivale, Boeing, celebra con grande pompa il cinquantesimo anniversario del suo 747. L’Airbus avrebbe potuto apprendere dalla carriera dell’aereo americano di cui era a capo l’A380, in lo spirito dei suoi designer, essere il degno successore. Come l’A380, il 747 impiegò quasi quindici anni per trovare i suoi clienti.

Scommesse rischiose
A quel tempo, le aziende incolpavano il 747 di essere un quattro motori, il che implicava un maggior rischio di guasti. Tuttavia, Boeing, a differenza di Airbus, è stato paziente.

Ha già venduto 1.572 aerei  del suo super jumbo, molto più avanti del suo concorrente europeo. Quando la produzione dell’A380 verrà definitivamente interrotta nel 2021, solo 250 aerei  avranno trovato acquirenti.

Se i clienti sono diventati sempre più rari, è anche perché il costruttore dell’aereo ha rifiutato di avviare una versione rimotorizzata, chiamata Neo, molto meno avida nel kerosene.

L’unica consolazione per i passeggeri futuri, continueranno a volare sull’A380 per molti anni. Infatti, Airbus si impegna a garantire il mantenimento a lungo termine dei velivoli venduti.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto

Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments