Le spiagge thailandesi costose come quelle europee

La colpa è in gran parte dovuta al tasso di cambio della baht thailandese: le vacanze in Thailandia sono diventate più costose del 40% per gli europei.

Alcune spiagge thailandesi ora sono costose come le loro controparti in Europa secondo uno studio di Skift.com.

Famosa per essere una destinazione esotica ma economica, la Thailandia sta diventando meno accessibile per i turisti occidentali a causa dell’aumento della baht thailandese.

Questo è particolarmente vero se confrontiamo i prezzi nella categoria di alloggi di lusso.

Nei siti turistici di Koh Samui, Koh Phangan e Koh Samed, i prezzi possono raggiungere l’equivalente di 500 dollari (circa 15000 baht) per camera a notte, compresa la colazione americana, in un resort di lusso.

Prezzi ora simili al costo di un alloggio a cinque stelle in un resort in Grecia, Italia e Spagna e superiore a un alloggio comparabile in Turchia o in Egitto, che costa $ 350 a notte, secondo Diethelm Travel Group .

Uni inflazione del 40% per i turisti europei

Il tasso di ferie in Thailandia è aumentato di circa il 30% in dollari USA e del 40% in euro negli ultimi cinque anni a causa dell’apprezzamento del baht secondo Stephan Roemer, CEO del gruppo Diethelm

Solo un anno fà, un euro valeva 37,5 baht: oggi ne vale solo 33,2 baht

Il baht si è costantemente rafforzato da gennaio, a causa di un surplus persistente del conto corrente del paese e di importanti riserve in valuta estera, con un tasso di cambio in dollari al baht ora di 30 baht rispetto a 36 baht di prima.

Turismo europeo in calo

Il Centro di ricerca economica della Kasikorn Bank prevede che il numero di turisti europei in Thailandia diminuirà dell’1,5% quest’anno rispetto al 2018, raggiungendo 6,66 milioni con ricavi in calo dell’1% in un anno a $ 15,4 miliardi (468 miliardi di baht).

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto

Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments