Lione a tavola: tra classicismo e innovazioni

Lione città internazionale della gastronomia.

Lione a tavola: tra classicismo e innovazioni

Questa non è una novità : a Lione si mangia molto bene, a prezzi inferiori a quelli praticati a Parigi, in contesti spesso notevoli, quando non è in strada, sulla terrazza o al ristorante in uno di quei food trucks   che ha sono in circolazione . È anche piacevole vedere che la città è impegnata in una cucina aperta ai sapori del mondo che riconcilia i sessi, le età e le popolazioni.

L’apertura nel 2019 della Città della Gastronomia, all’interno dell’Hotel Dieu, completamente rinnovato, lungo le banchine, farà rivivere un’intera parte della penisola. Sarà necessario mantenere i buongustai che può ospitare qualcosa di diverso dai laboratori o dai negozi di lusso. Altrimenti, altri quartieri godranno della straordinaria vitalità della cucina lionese, che si è aperta alle influenze del mondo, senza perdere la sua specificità.

Oggi sono i quartieri di Croix-Rousse, Guillotière, Gerland o Confluence ad attirare i giovani, a prezzi bassi, alla vita di quartiere, a nuovi spazi o architetture che si intrecciano. Cibo di strada o cucina dell’umore da un lato, terrazze con vista e food world  dall’altro.

Tutto ciò non impedisce di precipitarsi in uno dei ristornati tradizionali per fare una bella mangiata . Alcuni sono stati presi dai migliori lavoratori di Francia, garanzia di qualità. Ci piacciono quelli di Joseph Viola (Daniel & Denise) dove troviamo, nella sala da pranzo e nel piatto, tutta l’arte di vivere a Lione.

Un ultimo consiglio: la maggior parte di questi tavoli sono delle vere istituzioni, spesso con piccole posate, è quasi indispensabile prenotare, soprattutto la sera e nei fine settimana!

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto

Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments