Malta: La Valletta, meta culturale dell’anno

L’isola di Malta , offre durante le celebrazioni un folto programma, ragione per quale vale la pena visitare l’isola.

Malta: La Valletta, meta culturale dell'anno

Omero lo chiamava “l’ombelico del Mediterraneo”. Benedetta  dagli dei, Malta ha suscitato molta lussuria: fenici, greci, romani, francesi, inglesi … Tutti hanno invaso l’isola lasciando il segno.

La capitale, che porta il nome del  Cavaliere Jean de La Valette, offre uno studioso concentrato su diversi secoli di storia. Ma l’isola non si addormenta sulle sue vecchie pietre.

Come prova, Renzo Piano, l’architetto a cui dobbiamo il Centre Pompidou e The Shard a Londra, ha riabilitato l’ingresso alla città: enormi blocchi di pietra, incorniciate da grandi lame di acciaio, simboleggiano la porta. Ha anche un teatro all’aperto sulle rovine dell’antica Opera, l’edificio dello spettacolare nuovo Parlamento.

Feste per celebrare la città

Per godersi la Valletta, l’hotel Phoenicia è il luogo ideale. Situato a cinque minuti dall’ingresso della città, offre un bell’aspetto alla Fontana Tritoni recentemente restaurata e al porto. Questo mitico hotel, costruito nel 1939 in stile Art Deco, è stato riaperto la scorsa estate dopo un’attenta ristrutturazione.

Ha tra le sue attività un ottimo ristorante e una favolosa piscina con vista sul porto. Per gustare una nuotata veloce dopo una giornata trascorsa tra le numerose festività che sono in pieno svolgimento per celebrare la città e il suo titolo di Capitale Europea della Cultura.

Tra queste la “Grande Esposizione Valletta 2018” (fino al 28 maggio), che presenta venticinque artisti internazionali, una rievocazione storica il 7 giugno sull’acqua e sulle banchine della traversata dei cavalieri dall’ordine di Malta a La Valletta nel 16 ° secolo, al Festival del cinema di giugno con numerosi documentari e, all’inizio di novembre, alla Settimana del  Design , che mette in mostra il meglio della scena mondiale contemporanea. L’inaugurazione del nuovo Museo Nazionale d’Arte, MUZA, è prevista anche all’Auberge d’Italie, ex roccaforte dei Cavalieri Italiani dell’Ordine.

Una passeggiata nel tempo

Tra due scoperte, devi anche andare a Medina. La vecchia capitale, nel cuore dell’isola, offre una vera passeggiata nel tempo. Il traffico automobilistico è vietato e, al calar della notte, camminando lungo le strade deserte fiancheggiate da case del XVI e XVII secolo, è quasi scontato incrociare i cavalieri in armatura. Il modo migliore per credere è passare una notte al Xara Palace, un hotel ospitato in un antico palazzo.

Da non perdere la  fabbrica di Playmobil dove sono realizzati i famosi giocattoli. All’interno di un castello, di fronte al quale stanno a guardia figure di dimensioni umane, ci divertiamo in un enorme FunPark ricco di attrazioni (anche nautiche). Un parco giochi, oltre ai 400 eventi culturali previsti durante tutto l’anno.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.
A presto
Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments