Norwegian riduce ulteriormente la sua offerta

Il vettore low cost norvegese continua a ristrutturare la sua rete transatlantica. Nuovi tagli sono previsti nella rete per questo inverno e riguarderanno in particolare l’offerta di Parigi.

Norvegian ha appena annunciato di sospendere due nuove rotte transatlantiche, Las Vegas-London Gatwick e Orlando-Stockholm Arlanda. La compagnia aerea ha già annunciato che non intende reintegrarli nella sua rete nel prossimo futuro.

Allo stesso tempo, dieci tratte saranno trasformate in collegamenti stagionali solo durante l’estate. Tra questi, diversi assi d’affari come Boston-Parigi Charles de Gaulle, Chicago-Londra Gatwick, Denver-Londra Gatwick, Los Angeles-Copenaghen, Los Angeles-Oslo, Los Angeles-Roma Fiumicino, New York JFK-Copenhagen e New York JFK- Stoccolma. Queste tratte non saranno sfruttate durante l’inverno del 2019-2020. Gli aerei a lungo raggio verranno ridistribuiti principalmente in Asia ma anche in Sud America.

Un’altra decisione strategica era quella di trasferire alcuni voli dall’aeroporto internazionale di Oakland all’Aeroporto Internazionale di San Francisco per aumentare il traffico su alcune rotte tra l’Europa e la California settentrionale.

Dopo il trasferimento all’inizio di quest’anno della tratta Gatwick di Londra da Oakland a San Francisco, la stagione invernale vedrà il trasferimento delle tratte Oakland-Barcellona e Oakland-Parigi a San Francisco per l’inizio della stagione invernale. Le altre tratte stagionali di Norvegian dalla verso Copenaghen, Oslo, Roma e Stoccolma rimarranno ad Oakland.

“L’aeroporto internazionale di San Francisco offre quattro vantaggi rispetto alla sua controparte a Oakland. Ha una migliore visibilità e ottimizzazione dei motori di ricerca, i tassi di vendita medi sono più alti e attraggono più viaggiatori di fascia alta e migliori opportunità di trasporto “, ha dichiarato Anders Lindström, responsabile delle comunicazioni di Norvegian per Nord America in un’intervista con Air Transport World Magazine.

Gli analisti, tuttavia, restano pessimisti sulla capacità di Norvegian di sopravvivere a lungo termine in una massiccia ricapitalizzazione. Soprattutto perché i suoi risultati economici sono influenzati da un altro imprevisto.

La compagnia ha perdite legate alla messa a terra del suo 18 Boeing 737 MAX 8. Norwegian ha dovuto sostituire questi velivoli con velivoli più vecchi, in leasing e meno efficienti in termini di carburante.

Una situazione che non è pronta a stabilizzarsi quando l’aereo si trova di fronte a nuovi problemi tecnologici che ne prolungano l’immobilizzazione. Norwegian ha già annunciato di voler pensare a cambiare la sua flotta a corto raggio, data la cattiva gestione del Boeing 737MAX.M

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto

Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments