Spedisci online le valigie per viaggiare leggero

VIAGGIA LEGGERO, VIVI INTENSAMENTE

Spedisci online le valigie per viaggiare leggero

La destinazione è decisa, la durata del viaggio anche, sogni e progetti sono finalmente a portata di mano e il biglietto che ci condurrà verso la meta è stampato.

Questo è il momento d’estasi, in cui crogiolarsi e lasciarsi andare dentro una felicità liquida che mescola, in parti mai costanti, una gioia elettrizzante e un’agitazione irrazionale.

Perché questo accade quando si accende quel profondo richiamo che spinge a partire per un’avventura di qualche settimana, per un soggiorno di alcuni mesi come l’Erasmus, o addirittura per una lunga porzione di vita che farà di noi degli expat.

Dopo tale stato di grazia arriva il momento del ritorno alla realtà che coincide con la preparazione del bagalio e la decisione su cosa portare e cosa invece lasciare a casa.

Sono attimi difficili: tutto ci pare indispensabile oppure che ci aiuti a sentire meno lontananza da casa e riproduca un senso di calore nei momenti meno facili.

Però vale la pena partire leggeri, con un bagaglio essenziale perché sulla lunga le grandi valige rischiano di essere ingombranti e quel che consideravamo fondamentale si trasforma in una fastidiosa zavorra.

La filosofia di vita che da alcuni anni si racchiude nel lemme “less is more” si può applicare anche al viaggio, poiché avere poco con sé permette di concentrarsi sull’essenziale, sulle emozioni senza doversi preoccupare dei beni materiali, sulle esperienze che creano esse stesse un nuovo bagaglio e richiedono spazio vuoto.

Allora vediamo come comportarci per far sì che il nostro viaggio, breve o corto, itinerante magari con il treno o stanziale, non si perda dietro pesanti paia di scarpe e troppe t-shirt.

L’ideale sarebbe partire con il solo bagaglio a mano. C’è chi lo fa e non si è mai pentito: basta razionalizzare, ottimizzare e organizzare meglio.

Intanto dobbiamo ragionare per kit minimal: ciò vale sia per i prodotti di igiene intima, sia per i medicinali.

I limiti di dosaggio imposti dalle norme di sicurezza internazionali devono essere visti come un input alla leggerezza perché saremo così costretti a lasciare a casa i grandi contenitori di shampoo e bagnoschiuma, utilizzando quelli a disposizione negli hotel e – se mancanti – quelli piccoli portati da casa; allo stesso modo è inutile avere accappatoi o grossi asciugamani: una piccola tovaglietta in microfibra aiuta nei momenti di bisogno, mentre normalmente le strutture ricettive forniscono la biancheria da camera.

I medicinali invece si possono suddividere per principi attivi: fatto salvo per eventuali farmaci indispensabili, leggendo il bugiardino o chiedendo in farmacia, gli altri medicinali curano diverse patologie grazie al loro componente principale.

Gli indumenti devono essere di fibre sottili e leggere che occupano poco spazio, si lavano senza troppi pensieri e si asciugano rapidamente. Se non vogliamo ricorrere alle lavanderie a gettone per rinfrescare i capi, c’è sempre un pezzo di sapone da bucato per le situazioni d’emergenza da portare avvolto in una stagnola e da usare per la biancheria intima, oltre per qualche altro capo.

Inoltre: siamo sicuri di aver bisogno di tutte quelle scarpe? A ben guardare un paio (oltre alle intramontabili infradito) è sufficiente: un negozio di calzature si trova sempre nel caso si rompessero o – alla peggio – è possibile incontrare qualcuno che conosce un modo ingegnoso per sistemarle temporaneamente.

I libri di carta, per quanto belli e romantici, sono molto ingombranti quindi un e-book reader diventa la soluzione ottimale per risparmiare spazio e ridurre il peso; inoltre un unico apparecchio può contenere alcune migliaia di libri e non è necessario dover scegliere le letture prima della partenza; se è difficile rinunciare alle pagine da sfogliare, una valida alternativa sono le biblioteche oppure i book-crossing point, a patto di conoscere la lingua locale o l’inglese.

Continuando con la tecnologia, a meno che non siamo dei fotografi professionisti in partenza per qualche missione speciale (e anche in questo caso potremmo avere dei dubbi se portare tutta l’attrezzatura) o non abbiamo in mente un progetto particolare, vale la pena portare solo un obiettivo tutto fare, con un’escursione capace di coprire dal grandangolo allo zoom; anche le macchine fotografiche oggi pesano di meno senza perdere di qualità: le mirrorless di diverse case produttrici sono un buon compromesso.

Bisogna tener conto poi che il grande bagaglio può essere un problema se si viaggia su treni o autobus, sia per l’ingombro che per la paura di furti, ma anche in aereo, soprattutto quando supera i limiti imposti dalle compagnie aeree: molte low-cost non includono nel prezzo del biglietto il bagaglio in stiva, per il quale bisogna pagare degli extra.

Però una volta arrivati a destinazione, magari dopo aver compiuto un viaggio itinerante e si ha intenzione di fermarsi per un lungo periodo, il bagaglio a mano potrebbe rivelarsi insufficiente e acquistare tutto ex-novo sarebbe troppo dispendioso.

In questo caso si può ricorrere a un comodo servizio di spedizione come quello offerto da Packlink.it con ritiro dei propri beni a casa e consegna all’indirizzo indicato, nella data scelta. Questo permette di spedire pacchi in tutto il mondo a tariffe convenienti perché confrontate tra i principali vettori come: TNT, Bartolini, Poste italiane, UPS e Artoni.

Utilizzare un corriere espresso ha poi altri vantaggi: non vi sono attese in aeroporto e non si deve fare una fatica inutile nel trasportare i propri averi; i colli sono assicurati ed è possibile monitorare lo stato della spedizione attraverso un codice di tracciabilità.

Perciò possiamo goderci la nostra vacanza su un’isola sperduta, attraversare senza patemi la giugla, o esplorare in lungo e in largo il paese che sarà la nostra nuova casa prima di fermarci e ritrovare i nostri averi.

Allo stesso modo funziona se durante un viaggio abbiamo accumulato troppi souvenir e il rientro rischia di essere un vero salasso economico, oppure siamo partiti per un pellegrinaggio a piedi e presto ci accorgiamo di aver con noi molto più di quanto siamo in grado di trasportare: in questi casi il servizio porta indietro ricordi od oggetti che non ci servono davvero e, anzi, sono un ostacolo al nostro vivere leggero e con intensità quel pezzetto di vita.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto

Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments