Russia: quando una stazione ritrova il nome utilizzato nell’epoca zarista

La stazione si trova a 26 km da San Pietroburgo, ogni hanno visitata da molti turisti.

Russia: quando una stazione ritrova il nome utilizzato nell'epoca zarista

Il primo ministro russo Dmitry Medvedev ha ordinato che una stazione nei pressi di San Pietroburgo, utilizzata da decine di migliaia di turisti che visitano gli antichi palazzi degli zar, sia  nota  come nell’ epoca imperiale, hanno riferito i media.

Secondo un decreto del governo, la stazione torna al suo originale nome “Carskoe Selo”, il villaggio degli zar, che aveva perso nel 1918 poco dopo la rivoluzione bolscevica e la caduta della dinastia dei Romanov.

Dopo la caduta della dinastia dei Romanov, la stazione fu  chiamata  “Detskoïe Selo”, il  villaggio dei bambini, i comunisti volero  sbarazzarsi dei  riferimenti alla gloria degli zar.

Sono decine di migliaia di turisti che scendono alla stazione per visitare il palazzo di epoca imperiale. La città in cui si trovano ha anche cambiato il  nome più volte.

Inizialmente chiamata  Carskoe Selo, in seguito fu ribattezata  Detskoïe Selo dopo la Rivoluzione, e nel 1937 prese il nome di Puskin, in riferimento al  famoso poeta russo.

La città di Pushkin / Carskoe Selo era la residenza estiva degli zar. La linea ferroviaria che collega San Pietroburgo verso la  città fu la prima costruita in Russia. E ‘stato inaugurato nel 1837.

Quest’anno, la dinastia dei Romanov, deposti  dal potere nel 1917 durante la rivoluzione di febbraio, festeggia il suo 400 ° anniversario. Diversi eventi e mostre sono stati organizzati in questa occasione in Russia.

L’ultimo zar Nicola II, sua moglie Alexandra ei loro cinque figli, era stato catturato e giustiziato sommariamente dalla Ceka, la polizia politica di Lenin, il 17 luglio 1918 a Ekaterinburg, negli Urali.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto

Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments