Alimenti e bevande nei tuoi viaggi ai tropici

Come evitare la diarrea nei tuoi viaggi ai tropici, con questi utilissimi consigli

Alimenti e bevande nei tuoi viaggi ai tropici

Prima di intraprendere un viaggio ai tropici o in aere in via di sviluppo spesso si sottovaluta la necessità di approfondire la conoscenza dei rischi sanitari a cui si può andare incontro.

In particolare la possibilità di assumere alimenti e bevande contaminati rappresenta una concreta minaccia per la salute di chi viaggia.

Quali sono i disturbi

Uno dei disturbi piu comuni è la diarrea un affezione molto frequente che può affliggere fino al 50% dei viaggiatori che si recano in aree tropicali e sub-tropicali.

In molti casi il disturbo è di lieve entità è comunque estremamente fastidioso ed il malessere e la debilitazione fisica che ne conseguono possono sovvertire i programmi di viaggioi rovinando l’intero soggiorno.

Inoltre non bisogna sottovalutare  il problema  linguistico che rende più difficoltoso il ricorso al consiglio ed al trattamento medico.

Onde evitare spiacevoli souvenir di viaggio è consigliato prima di partire a osservare alcune regole basilari particolarmente raccomandate ai soggetti a rischio:

neonati e bambini, persone anziane, donne in gravidanza, persone con disfunzioni del sistema immunitario per le quali una diarrea protratta potrebbe addirittura risultare mortale.

Cosa fare in caso di diarrea

  • La misura piu importante è evitare la disidratazione
  • Aumentare l’assunzione di liquidi dall’inizio dei sintomi bere thé e succhi di frutta diluiti con acqua potabile
  • Acqua in bottiglia, bollita o disinfettata
  • In caso che la diarrea persiste per più giorni bere soluzione salina reiddratante.
  • Consumare pasti mormalmente

Regole da osservare nei paesi tropicali

Cibi:

  • Evitare di consumare il latte (a meno che non sia stato bollito) e tutti i latticini, gelati artigianali compresi.
  • I gelati confezionati di norma sono invece abbastanza sicuri.
  • Sono a rischio panna, burro, formaggi freschi, maionese e dolci con crema.
  • Evitaredi consumare i cibi crudi: frutti di mare, carne cruda, crostacei crudi.
  • Evitare di consumare le uova crude
  • Sono a rischio la manioca cruda e le arachidi crude
  • Evitare di consumare frutta già sbucciata: arance, banane, ananas, cocco, pompelmi, mele ecc..
  • Sono a rischio fragole, albicocche, manghi, papaie, ….
  • Tutti gli alimenti a base di carne, selvaggina, pesce, crostacei devono essere sempre ben cotti e consumati ancora caldi.
  • I cibi cotti conservati a temperatura ambiente per alcune ore possono essere contaminati da insetti o da altri animali portatori di microrganismi patogeni.
  • Evitare le carni cotte “al sangue”: nei Paesi tropicali gli animali da macello sono frequentemente infestati da larve di tenia che vengono però distrutte dalla cottura.
  • Fare attenzione al pesce di dubbia provenienza; è bene accertarsi che si tratti di prodotto fresco.
  • Le verdure devono essere accuratamente lavate, meglio se con un disinfettante
  • Evitare i cibi manipolati e quelli venduti all’aperto conservati in condizioni igieniche precarie od in presenza di mosche.
  • Accuratevi di lavare molto accuratamente le mani prima di consumare il cibo.
  • Evitare l’eccesso di alcolici.
  • Evitare le bevande gelate, frequenti cause di disturbi gastrointesti-nali che, seppur non pericolosi, contribuiscono ad indebolire l’organismo.
  • Nelle zone a temperatura elevata, non bere smodatamente perché più si beve e più si suda e con il sudore si disperdono importanti sali minerali (e la sete aumenta).

Bevande:

  • Consumate solo acqua in bottiglia, meglio se gasata, accertandosi che la confezione non sia stata manomessa.
  •  Evitare di consumare bevande che vengono  riciclate delle bottiglie vuote riempiendole con acqua di dubbia provenienza, vendute a caro prezzo a turisti ignari e sprovveduti.
  • Diffidate dell’acqua in bottiglie con tappo a corona.
  • Per le bottiglie in PET o PVC verificate che il tappo ci sia ancora il sigillo intatto
  • Le bevande quali la birra, vino, Coca-Cola, Pepsi Cola sono sicure
  • Le bevande quali il tè e caffé sono sicure anche se possono permanere i dubbi sulla bollitura che deve essere di almeno 10 minuti
  • Evitate di consumare acqua del rubinetto.
  • E’ consigliato di filtrare o disinfettare l’acqua con i prodotti specifici che si trovano in commercio.
  • Evitare di consumare il  ghiaccio.
  • Se l’acqua è inquinata, anche lavarsi i denti può costituire un rischio: se possibile, utilizzate acqua in bottiglia.
  • Reintegratori salini possono essere utili in condizioni di eccessiva sudorazione.

Le informazioni che troverai su ComeViaggiareInformati sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Se le seguirai attentamente però, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto,

Fabio.

About the author  ⁄ Fabio

No Comments