I viaggi d’affari causano depressione e ansia

Oltre 18000 dipendenti intervistati soffre di ansia.

I viaggi d'affari causano depressione e ansia

Uno studio sorprendente pubblicato nel Journal of Occupational and Environmental Medicine che commenta il lavoro di due ricercatori della Columbia University. Spiegano che “il viaggio d’affari è una fonte di stress significativo, ansia e può portare alla depressione”.

Secondo questi esperti di salute, più tempo trascorri viaggiando, più si sviluppano i sintomi. Il loro lavoro mira a dimostrare che lo stress è alla base dei disturbi fisici osservati durante lo studio. Per Drs Rundle e Revenson, le aziende non tengono sufficientemente conto dei rischi di un viaggio legato al lavoro e delle sue conseguenze a medio e lungo termine.

Lo studio, condotto nel 2015 con oltre 18.000 dipendenti, mostra che il personale vittima dell’ansia erano quelli che avevano trascorso la maggior parte del tempo in viaggio d’affari. Ma lo studio non convince a causa dei rischi professionali affrontati dai dipendenti intervistati, se le pressioni quotidiane siano legate o meno al viaggio.

Tuttavia, questo non è il primo studio che mette in guardia le aziende contro i rischi psicologici associati ai viaggi di lavoro. Già nel 2006, la Boston Medical University aveva sottolineato che “non tutti i profili professionali sono necessariamente preparati per i pericoli fisici dei viaggi di lavoro come la malnutrizione, la perdita di sonno e lo stress eccessivo”. A quel tempo, i ricercatori avevano creato un questionario progettato per determinare le competenze di un dipendente a sopportare dei viaggi di lavoro.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.
A presto
Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments