Scopri Amsterdam fuori dai sentieri battuti

Amsterdam col passare degli anno cambia look.

Scopri Amsterdam fuori dai sentieri battuti

Pensiamo di sapere tutto su Amsterdam. I suoi canali, le sue caffetterie, i suoi caffè marroni, il suo quartiere rosso, il suo beghinaggio … Solo che la città si estende e dispiega la sua originalità nel centro, ma anche alle sue estremità e sul lato del porto.

A Est il nuovo look di Amsterdam

Scopri Amsterdam fuori dai sentieri battuti

A nord-est di Amsterdam, non puoi perderti il ??Museo delle Scienze NEMO e la sua struttura verdigris. È l’architetto  italiano Renzo Piano, che ha lavorato sulla realizzazione del museo dal 1992 al 1997 con un vincolo principale costruire l’edificio sulla strada tunnel S116 a 22 m sul livello del mare.

Al primo impatto assomiglia ad una nave che emerge dall’acqua con una terrazza inclinata (1000 m²), NEMO si è affermata nel panorama architettonico e patrimonio culturale. Dal 2013, la terrazza sul tetto è diventata verde con 17.500 piante e due alveari di 20.000 api. L’interno è piuttosto semplice in modo da non distrarre il visitatore dai suoi pensieri scientifici, anche se la giocosità visualizzata presenta infatti un luogo che delizia, soprattutto, i bambini.

Da non perdere un giro  lungo la linea ferroviaria per Zeeburg qui ti puoi  confrontarti  con il “waterfront” della zona portuale della IJhaven e Ertshaven per comprendere i cambiamenti della città.

Negli ultimi anni, il comune ha riabilitato i vecchi magazzini in abitazioni. Qui ci sono i bidoni di ferro e le sale sportive alla moda, mentre le porte aperte al piano terra danno uno sguardo all’intimità degli abitanti di questi nuovi blocchi.

Le isole di Sporenburg e Borneo

Scopri Amsterdam fuori dai sentieri battuti

A pochi passi di distanza, altri due quartieri hanno cambiato completamente volto in 30 anni. Negli anni ’80, le isole di Sporenburg e Borneo erano solo container e depositi. Queste sono ora dense zone residenziali con case unifamiliari che si incastrano come il gioco del domino. In questa zona  la  popolazione  riempie (100 unità abitative per ettaro!), Non necessariamente sfortunata con i suoi patii, giardini, terrazze, garage circondati da edera e la sua vista del Spoorwegbassin o dell’Entrepothaven.

Le due isole sono collegate da tre ponti che meritano una visita. L’East Bridge e il West Bridge sono i più impressionanti con il loro acciaio rosso brillante, in particolare la porta est, una specie di serpente di mare con volta a vela da 93 m. Non c’è da stupirsi che gli abitanti  lo hanno ribattezzato “il ponte di Python”.

A sud, l’Indische Buurt, il distretto indiano piuttosto turco, può essere scoperto prendendo la Molukenstraat. Un tempio della sfera hipster ha aperto le sue porte nelle vicinanze, il Botanical Bar con la sua lussureggiante vegetazione e il suo bar in marmo.

Non perderti Amsterdam Centraal, il Filmmuseum EYE

Scopri Amsterdam fuori dai sentieri battuti

3 minuti. Questo è il tempo necessario per traghettare da Amsterdam Centraal, il Filmmuseum EYE, dedicato alla settima arte. Nel 2012, il museo ha lasciato la sua posizione verdeggiante sul Vondelpark per stabilirsi sulla riva nord dell’Ij, il lago di Amsterdam.

Di notte, hai  solo occhi per la sua architettura futuristica che si illumina. Angolare, polimorfo a seconda del punto di osservazione, la sua facciata organizzata di pannelli di alluminio bianco luccica con colori cangianti a seconda del clima. Ma anche l’interno e da ammirare : dispositivo luminoso di Olafur Eliasson, bar spettacolare in Corian (materiale composito)  e questa terrazza, interna / esterna, che rende gli occhi morbidi sulle rive dell’IJ.

In questa zona ancora popolare di Noord, l’EYE Filmmuseum lascia le vette, non lontano da qui, nella vecchia Shell Tower o “Toren Overhoeks”, ora chiamata A’ADAM. Questa torre, progettata dall’architetto olandese Arthur Staal, ospitava gli uffici della compagnia petrolifera dal 1971 al 2009. Da maggio 2016, i suoi spazi sono stati investiti da diversi ristoranti (Moon, Ma’dam), con sale di ricevimento. (The Loft), luoghi di coworking, compagnie musicali, una birreria all’aperto e un hotel.

Consiglio l’A’DAM Lookout ai piani 20 e 21. Se sopravvivi alla psiche lift e leggermente sbarrato, puoi godere (12,50 € in ogni caso) di una vista mozzafiato su Amsterdam.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto 

Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments