1 parte – Se cerchi queste nazioni sulle mappe geografiche non le trovi

6 Nazioni a tutti gli effetti ma non riconosciute come tali

Se cerchi queste nazioni sulle mappe geografiche non le trovi

Il Marocco è sempre stata una destinazione interessante non per il mercato di Marrakech, ma per il facile accesso alla Repubblica Democratica Araba Saharawi.

Se non ne hai mai sentito parlare prima, è perché molto probabilmente esistono ancora paesi sconosciuti all’opinione pubblica.

Ciò che è interessante è che questi non-stati, nonostante la mancanza di formale riconoscimento diplomatico, fungono spesso da nazioni più o meno indipendenti.

Molti hanno le proprie valute, governi, e procedure dei visti per i potenziali viaggiatori, e alcuni sono visitati da un numero rispettabile di turisti ogni anno.

Alcuni di questi paesi si possono esplorare. Esistono ma non è così. – Si possono visitare, ma non si può.

Dove si trovano questi paesi sulle mappe geografiche?

1. Republica Democratica Araba Sahrawi

Capitale: El Aaiún

Il mondo lo conosce meglio come il Sahara Occidentale.

Ex colonia spagnola, fu ceduto nel 1957 all’ affidamento congiunto della Mauritania e del Marocco. Come ogni due figli quando dai un giocattolo grande e nuovo fiammante, entrambi i paesi immediatamente entrò in guerra su di esso.

Nel 1976, il Fronte Polisario ha dichiarato la Repubblica Democratica Araba Sahrawi, con capitale la città marocchina di El Aaiún

In risposta, il Marocco ha costruito un muro di 2.700 km per mantenere il Fronte Polisario confinato nelle loro zone, e le cose sono rimaste più o meno da allora in una situazione di stallo.

Nessuno nel resto del mondo ha notato, o si e’ interessato abbastanza degli interessi di questa popolazione minoritaria

Come poter visitare questo paese?

Purtroppo, questo è difficile, al limite dell’ impossibile. Il Marocco considera questa zona del paese come sua e i viaggiatori possono utilizzare un visto marocchino per recarsi nella zona quando il governo lo permette.

Non è permesso di attraversare la zona dal lato marocchino, mentre il confine algerino è ufficialmente chiuso. Inoltre, non esistono voli commerciali.

2. Republica del Kosovo

Capitale:Pristina

La Repubblica del Kosovo è stata fondata nel periodo successivo alla guerra del Kosovo nel 1999, ma non è stato riconosciuto dalla Serbia, inducendo un tiro alla fune sull’identità della nuova nazione.

Ottantacinque paesi membri dell’ONU dicono che la Repubblica del Kosovo è un paese. Russia, Cina e Serbia non sono d’accordo.

Come poter visitare questo paese?

Si può viaggiare verso la Repubblica del Kosovo dalla maggior parte dei confini che non sono della Serbia. Se entri in Serbia/attraverso La/repubblica del Kosovo e’ ritenuto illegale.

3. Abkhazia

Capitale: Sukhumi

Una delle nazioni meno nominate, l’Abkhazia si è formata dopo il conflitto Georgiano-Abkhazo nel 1992.

Come l’Unione Sovietica cominciò a disintegrarsi alla fine del 1980, e la Georgia ha cominciato a muoversi verso l’indipendenza, i cittadini della regione dell’Abkhazia hanno preferito rimanere con la Federazione russa.

Alla fine della guerra che ne seguì, i georgiani hanno fallito nel loro tentativo di affermare il controllo sulla regione, ed è rimasta indipendente da allora.

Poche nazioni la riconoscono

E così l’Abkhazia è una nazione a se stante alla Russia. Se setacciate Internet un pò’, si possono trovare notizie sulle località del paese, sperando in un ritorno del turismo un giorno.

Come poter visitare questo paese?

Dovrebbe essere possibile passare dalla Russia in Abkhazia, presso il confine con la Russia attraverso la vicina città di Sochi, o arrivare sul Mar Nero al porto di Gagra.

Giungere in Abkhazia dalla Georgia generalmente è impossibile.Se in Georgia scoprono che si e’ visitata la zona, si corre il rischio di essere multati.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto

Fabio

 

 

 

About the author  ⁄ Fabio

No Comments