La Cina apre i suoi confini

La Cina apre le frontiere ma mette alcune restrizioni.

La Cina si sta gradualmente riprendendo dalla crisi del coronavirus e il paese sta aprendo i suoi confini in condizioni. Ora possiamo andare a Pechino a condizione di fare una sosta in un altro aeroporto cinese in anticipo.

Mentre l’Europa è nel mezzo di una crisi sanitaria, la Cina, il punto di partenza dell’epidemia, è ora in remissione. Come segno tangibile di questo cambiamento, la scorsa settimana i voli nazionali sono aumentati del 230% rispetto alla settimana precedente.

Anche i voli internazionali verso il Regno di Mezzo stanno registrando una ripresa molto più leggera, anche solo a causa delle misure di contenimento adottate in molti paesi, in particolare europei. La relativa debolezza, per il momento, del ritorno degli stranieri non è quella di dispiacere alle autorità cinesi che rimangono caute. Temono, infatti, una seconda ondata di pandemia causata da contaminazioni al di fuori del paese.

Per giustificare queste paure, il governo ha affermato che i 39 casi di infezione che il Paese aveva conosciuto domenica 22 marzo erano tutti “importati”. Per gli stessi motivi, le autorità sanitarie e aeronautiche della Repubblica popolare cinese hanno emesso una direttiva per tutte le compagnie aeree internazionali che servono Pechino, ordinandole di atterrare in un altro aeroporto designato in Cina. prima di continuare il viaggio verso la capitale.

Pertanto, ad esempio, domenica 22 marzo, i servizi della compagnia aerea degli Emirati Etihad Airways diretti a Pechino si sono fermati nella città di Xi’an, dove i passeggeri sono sbarcati per sottoporsi a un controllo sanitario, presso controllo doganale e recupero dei loro bagagli. Una volta ottenuta l’autorizzazione per entrare in Cina, i passeggeri si sono nuovamente imbarcati e i loro bagagli saranno ricaricati per il volo per Pechino.

Una procedura lunga e restrittiva ma, per il momento, questo è il prezzo da pagare per il ritorno in Cina

About the author  ⁄ Fabio

No Comments