Le tensioni in Medio Oriente incidono sui voli commerciali

Le compagnie aeree rivedono i loro piani di volo per non sorvolare l’Iran e Irak.

La tensione tra gli Stati Uniti e l’Iran, che ha provocato il bombardamento di due basi militari statunitensi in Iraq, sta costringendo le compagnie aeree a rivedere i loro piani di volo per la regione. Air France e diverse compagnie europee hanno deciso di non sorvolare Iran e Iraq …

Questa è una conseguenza prevedibile della rinnovata tensione tra Stati Uniti e Iran. Il trasporto aereo nel Golfo è ora interessato dall’escalation militare tra i due paesi.

Diverse compagnie come Air France, China Airlines, Lufthansa, Singapore Airlines e persino Qantas hanno annunciato che non sorvoleranno la potenziale zona di conflitto rappresentata da Iran e Iraq.

Già martedì sera, le autorità americane per l’aviazione civile (FAA) sono state ancora più radicali nel vietare ai vettori statunitensi di volare non solo sui due paesi, ma anche sul Golfo dell’Oman nelle acque che separano Arabia Saudita e Iran.

Un portavoce di Air France ha annunciato alla fine della mattinata che “per precauzione e non appena sono stati annunciati gli attacchi aerei, Air France ha deciso di sospendere fino a quando non si notasse più il sorvolo dello spazio aereo iraniano e iracheno” . Lufthansa da parte sua ha annullato il servizio a Teheran mentre Emirates e la sua controllata a basso costo Flydubai hanno interrotto il servizio a Baghdad. British Airways ha inoltre annunciato che seguirà da vicino gli sviluppi nella regione e adeguerà di conseguenza le rotte di questi aeromobili.

Se guardi ai vari siti online che elencano i movimenti degli aerei nella regione, un gran numero di voli sta iniziando a essere dirottato verso l’Arabia Saudita.

Tuttavia, alle 13:30 del 08 gennaio sulle mappe di Flightaware.com, è ancora possibile seguire i voli Emirates, Etihad, Gulf Air, Kuwait Air e Qatar Airways dall’Europa che passano sul territorio iraniano.

Le strade più colpite dovrebbero – se il conflitto dovesse intensificarsi – dovrebbero essere quelle che collegano l’Europa all’Asia. La maggior parte di loro passa sul Golfo Persico

A meno che per il momento non vengano segnalati ritardi significativi nei movimenti degli aeromobili, dovrebbe derivare un massiccio trasferimento di voli verso sud, cioè sul territorio dell’Arabia Saudita. ritardi alla partenza o all’arrivo dovuti all’affollamento dei cieli …

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto

Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments