Sicurezza aerea: Iata vuole rassicurare i passeggeri

Negli ultimi 7 giorni sono morti 460 passeggeri.

Sicurezza aerea: Iata vuole rassicurare i passeggeri

Dopo tre incidenti che hanno ucciso 460 in una settimana, l’associazione delle compagnie aeree vuole ricordare le  statistiche del settore, che rimane il mezzo di trasporto più sicuro.

L’ultima settimana  del trasporto aereo è stata la più oscura degli ultimi anni,  ha  vissuto tre disastri per  un totale di 460 morti, in questo calcolo non rientra il  volo MH370 scomparso nella settimana di marzo. Iata parla per conto delle compagnie aeree.

Prima  presenta un messaggio di sostegno alle famiglie delle vittime, ma cerca sopratutto di rassicurare i passeggeri.

L’associazione, che  raggruppa 240 compagnie aeree nel mondo (84% del traffico aereo mondiale), progetta che dopo una tale serie di drammi, “molte persone, comprensibilmente, chiedono informazioni sulla  sicurezza aerea” , ha dichiarato il direttore Iata, Tony Tyler.

“Dobbiamo  portare un grande rispetto alla memoria delle  persone colpite è  fare ogni sforzo nella ricerca delle cause   per garantire che ciò non accada di nuovo”, ha aggiunto, assicurando che “nonostante gli eventi degli ultimi sette giorni, siamo in grado di volare in sicurezza.”

In realtà, il numero delle vittime di disastri aerei, che aveva raggiunto 210 persone nel 2013, come calcolato dalla Iata, è già raddoppiato quest’anno. “Ma anche in queste circostanze, salire su un aereo è sempre il mwzzo di trasporto più sicuro.

Proteggere i nostri clienti che viaggiano in tutto il mondo contro i possibili danni è la missione principale del settore del trasporto aereo”, ha detto Tony Tyler.

Il Direttore Iata avverte che ogni giorno, “circa 100.000 voli decollano  e atterrarano nel mondo senza incidenti.”

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto

Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments