Totalmente chiuso nel sud-est asiatico

Entro una settimana, tutti i paesi del sud-est asiatico hanno chiuso i loro confini e molti impongono anche un contenimento parziale o totale.

Il Sud-est asiatico ha finalmente capito l’urgenza della pandemia di Covid-19 mentre i casi aumentano.

Se il 7 marzo sono stati contati 310 casi, al 23 marzo erano 4.034, la Malesia aveva il numero più alto con oltre 1.500 infezioni, seguita dalla Thailandia con oltre 700, l’Indonesia con quasi 600 casi e le Filippine e Singapore con oltre 500 casi. La regione, tuttavia, ha avuto un numero limitato di morti, con circa 100 nei 10 paesi che compongono l’ASEAN, l’associazione dei paesi nel sud-est asiatico.

Se il Vietnam e Singapore sono stati i primi paesi a sospendere i visti e gli ingressi dei visitatori nelle aree colpite, la scorsa settimana tutto il sud-est asiatico ha chiuso i suoi confini. Gli ultimi paesi fino ad oggi che impongono restrizioni all’ingresso di tutti i viaggiatori indipendentemente dalla loro origine: Birmania, Indonesia, Laos, Filippine, Singapore (dal 23 marzo per tutti tranne i residenti frontalieri della Malesia) e Thailandia (da questo fine settimana).

Sul lato aereo, la maggior parte delle compagnie ha sospeso le proprie frequenze, solo la Thai Airways International opera ancora una manciata di voli verso l’Europa.

La linea Bangkok-Bruxelles, tuttavia, è stata cancellata fino al 30 aprile. Singapore Airlines annuncerà all’inizio della settimana quali altre compagnie aeree verranno gradualmente eliminate, con la compagnia che annuncia una riduzione del 96% della capacità e l’immobilizzazione di 138 aeromobili su una flotta di 147 aeromobili.

In Europa, la compagnia aerea ha smesso di servire queste ultime destinazioni come Londra e Zurigo. Singapore Airlines opererà tuttavia alcune frequenze a Londra, Copenaghen o Zurigo questa settimana prima della sospensione totale.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto

Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments