Tariffe per i bagagli, una vera manna finanziaria per le compagnie aeree

Le tariffe dei bagagli sono raddoppiate negli ultimi quattro anni.

I ricavi delle tasse sui bagagli sono aumentati da quasi 12 miliardi di euro nel 2014 a oltre 25 miliardi di euro nel 2018, secondo un recente studio di IdeaWorksCompany e CarTrawler. Questo è più del doppio in soli quattro anni!

Lo studio pubblicato pochi giorni fa dalla società di ricerche IdeaWorksCompany e dalla piattaforma di soluzioni di trasporto CarTrawler mostra che le entrate fiscali sui bagagli delle compagnie aeree sono aumentate del 110% in soli quattro anni dal 13.4 miliardi nel 2014 (circa 12 miliardi di euro) a 28,1 miliardi di euro nel 2018 (25,1 miliardi di euro).
“Il business del bagaglio è una parte importante del reddito misto e comprende tre fonti principali: il bagaglio registrato nel ventre dell’aereo, le spese extra per il bagaglio pesante e extra-large e, per alcune compagnie aeree, il prezzo fatturato. per un maggiore bagaglio a mano “, affermano gli autori dello studio.
Anche le grandi compagnie ci mettono del loro


Mentre alcune compagnie aeree sono note per la loro rigida politica sui bagagli, la vera sorpresa arriva dalle principali compagnie aeree, molte delle quali non offrono più il bagaglio incluso in tutte le loro tariffe. È il caso ad esempio di Air France / KLM, British Airways o Lufthansa, che prevedono oneri a breve raggio o sui voli transatlantici a nord.


Una tendenza che può essere spiegata dalla forte concorrenza delle compagnie a basso costo. “Questa tendenza generale riflette la strategia tradizionale delle compagnie aeree di estendere i ricavi a la carte a fornitori a basso costo offrendo ai clienti le soluzioni più vantaggiose in un mercato in evoluzione”, ha dichiarato Aileen McCormack. direttore commerciale di CarTrawler, nella relazione dello studio.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto

Fabio

About the author  ⁄ Fabio

No Comments