Venezia tasserà tutti i turisti

Dall’ estate prossima  una tassa per visitare Venezia?

Venezia tasserà tutti i turisti

I viaggiatori dovranno pagare un biglietto d’ingresso per visitare la Serenissima, secondo un progetto indotto dalla nuova legge delle finanze.
Dalla prossima estate, Venezia potrebbe addebitare una tassa d’ingresso a tutti i visitatori. La misura, introdotta nella legge finanziaria italiana, approvata definitivamente sabato scorso, prevede che Venezia, a partire da luglio, “adotti nelle proprie misure di bilancio (…) un contributo di sbarco” come già esistente nel Isole Eolie o Lampedusa (Sicilia).

Aumentando da 2,5 a 10 euro a seconda della stagione, questo contributo si applicherà a tutti i visitatori, indipendentemente dal fatto che trascorreranno la notte a Venezia. Si rivolge principalmente ai turisti diurni che non pagano la tassa di soggiorno, dovuta per persona a notte, e pagati agli albergatori o ai proprietari di alloggi in affitto.

Tra loro ci sono clienti di navi da crociera, tra cui circa 600 navi giganti che si fermano ogni anno nella Città dei Dogi. Ma le compagnie aeree o gli autobus la tassa si ripercuoterà  sui loro biglietti.

50 milioni di euro all’anno

Già descritta come una “tassa di sbarco” dai media, questa misura potrebbe fruttare fino a 50 milioni di euro all’anno secondo le prime stime del comune. “I costi per pulire il centro storico e la sua sicurezza sono speciali e sono stati sostenuti per anni dai veneziani”, ha detto Luigi Brugnaro (centro destra), citato lunedì dal quotidiano La Repubblica. “Grazie a tutti quelli che d’ora in poi ci aiuteranno a mantenere pulita Venezia, permettendo ai veneziani di vivere più correttamente”, ha aggiunto.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto

Fabio

 

About the author  ⁄ Fabio

No Comments