Scopri il Carnevale di Venezia

Il Carnevale di Venezia e’ alle porte

Scopri il Carnevale di Venezia

Il Carnevale di Venezia è un punto culminante in Italia nel mese di febbraio. Maschere e costumi escono dai canali per questa importante  festa.

Programma 2017, significato delle maschere

Ogni anno il Carnevale di Venezia ci abbaglia con le sue immagini mozzafiato della folla in maschera per le strade della capitale del Veneto.

Tradizionalmente si svolge nel mese di febbraio. Le date esatte cambiano e determinano quando : inizia il Carnevale dieci giorni prima del Mercoledì delle Ceneri e continua fino a Martedì Grasso. Per il  2017, da Sabato 18 a Martedì 28 febbraio.

Diversi punti salienti  caratterizzano il Carnevale di Venezia. Prima di tutto, la processione della festa delle Marie, 12 donne tra le più belle di Venezia percorrono un percorso tra la Basilica di San Pietro di Castello e Piazza San Marco tra la folla.

Dopo il tragitto  dodici contendenti sono votate e viene designata  la Maria dell’anno, avrà l’onore di eseguire il Volo dell’Angelo l’anno successivo.

Il volo dell’angelo è un altro punto culminante del Carnevale di Venezia. Si effettua  la prima Domenica della manifestazione.

Dal campanile di San Marco, un angelo attraversa la piazza con una corda alla Piazzetta. Originariamente prenotato per un ospite di prestigio poi ad un acrobata, il volo dell’angelo è stato poi sostituito dal volo di una colomba di legno. Ma dai primi anni del 2000, è una ragazza (La Maria  dell’anno) che esegue il volo dell’angelo.

Maschere e costumi del Carnevale di Venezia
Quale e’ il  significato sono delle maschere di carnevale? Dove noleggiare un costume o un travestimento e a quale prezzo? Il Carnevale di Venezia rappresenta  un microcosmo invertito della società veneziana.

I partecipanti normalmente collegati a diverse classi sociali, improvvisamente diventano  anonimi  con costumi e maschere.

L’anonimato permette di scambiare , le classi sociali e religioni. Il costume al Carnevale di Venezia è spesso riassunto in una sola parola: Bauta, un abito a tre pezzi. Da un lato il mantello, o tabarro. D’altra parte, il tricorno.

Infine, la maschera, che può essere quella di Arlecchino o un altra . Un altro tipico costume del Carnevale di Venezia è la Gnaga. Questo è un costume composto di abiti femminili e una maschera di gatto.

Per acquistare o affittare un costume, diversi laboratori artigiani rinomati esistono nella città. Per noleggiare i  costumi e maschere dal più elegante, ci vogliono almeno 400 euro. Ma troverai a prezzi  meno costoso 150 euro in loco.

La storia del Carnevale di Venezia

Scopri il Carnevale di Venezia
Il Carnevale di Venezia è un evento culturale che è esistito fin dal Medioevo. La prima prova della data di carnevale dalla fine del secolo XI.

Inizialmente, il comune di Venezia era costituito da vari quartieri con forte identità. L’obiettivo del carnevale è stato quello di rafforzare i legami sociali tra i residenti per consentire loro il tempo per  manifestazione, lasciando cadere codici sociali quotidiani.

Attraverso costumi e maschere, è possibile rimanere completamente anonimo e condividere questo evento senzaalcuna barriera sociale.

Spesso i ricchi si travestono in poveri e viceversa. Nel corso dei secoli, questo carnevale è ripreso dalla nobiltà veneziana ed è diventato, nel XVI secolo, un evento chiave delle teste coronate d’Europa.

Nel 1797, le truppe del Consiglio di Gestione di Napoleone pone  fine alla manifestazione, temendo attacchi e tentativi di destabilizzazione politica.

Il Carnevale di Venezia verrà riproposta nel XVIII secolo, ma perderà la sua lucentezza nel corso degli anni.

E’ solo 1970 che si trasforma in un evento sociale di grande importanza. Sotto l’effetto di vari gruppi e associazioni, il carnevale è ufficialmente reintegrato nel 1980, ogni anno attrae molti turisti.

Altri consigli e informazioni li troverai su come viaggiare informati, se li seguirai attentamente, ti aiuteranno a viaggiare in totale sicurezza e a tutelare la tua integrità fisica.

A presto
Fabio

About the author  ⁄ Fabio

Comments are closed.